Passa ai contenuti principali

Etilometro: alcol test tascabile. Strumento affidabile o ennesima bufala?

Proprio stamattina avevo voglia di alcol...
non proprio di alcol, quanto di Alcol Test.

Infatti mi è balenata l'idea di dotarmi di un piccolo etilometro tascabile, qualora ce ne fossero -e poi ho scoperto che ci sono, da portare con me e usarlo se ne avessi bisogno alla guida o da far usare a chi mi sta conducendo in auto.

Così sono andato sul nostro caro amico Ebay e ho cercato etilometro, applicando i dovuti filtri a determinate provenienze di venditori (chiamatemi razzista -non c'è bisogno di andare lontano).
Ho trovato diversi apparecchietti in stile portachiavi-led-etilometro, con cui misurare il fatidico numeretto.

Beh erano carini, le descrizioni come sempre allettanti mi inducevano all'acquisto, quando ad un certo punto, vedendo la sfrenata concorrenza di modelli e di prezzi: ma sti cosi, sono affidabili?

Cioè, sono tarati a norma di legge?
Quali test devono superare affinchè la loro misura sia attendibile?

Secondo me sarebbe opportuno che lo Stato si impegnasse a legiferare a riguardo, nel senso di certificare i dispositivi idonei affinchè la somministrazione del test alla propria o ad un'altra persona effettuata da cittadini e non da pubblici ufficiali, dia dei riferimenti attendibili.

Cosa succederebbe se il mio piccolo, caro ed economico etilometro tascabile fosse tarato con un errore tale per cui mi segnala 0.04% e invece ho uno 0.07%?


Rischierei la multa?
Mi appellerei a chissà quale legge morale, mentre i vigili stanno compilando il verbale?
Confronterei il mio piccolo attrezzo con il grande attrezzo posseduto dagli uomini in divisa?
(Qui donne -e alcuni uomini, fate sbizzarrire la vostra fantasia. Già parlare di grande attrezzo farebbe agitare gli animi di qualche gentile pulzella. Se poi sommiamo "grande attrezzo" a "uomo in divisa" allora facciamo il botto...
si, è vero... sto progettando l'Arrapometro, arrapato+metro)

Preparando il mio prossimo viaggio immaginario all'Oktoberfest, vi saluto, sperando di avervi inquietato anche per oggi! :D

Commenti

Anonimo ha detto…
Caro Andrea,
hai perfettamente ragione. LA LEGGE che regolamenta gli etilometri elettronici C'E' , MA POCHISSIME AZIENDE..che per business importano prodotti economici 8 solo il 5%) LA RISPETTANO!
il 98 % degli etilomteri che sono in commercio sono GIOCATTOLI PERICOLOSI per chi ci si affida.
Tra i pochissimi alcoltest seri, il più attendibile è l'alcol test chiamato fiala cec1 senza cromo( monouso per l'espirato), adottato ufficialmente dalla polstrada e da molti comandi locali.
Sono da cestinare e denunciare quelli salivari e quelli al cromo, altrre qielli elettronici che non indicano la durata, la precisione e la metrologia del sensore.
Anonimo ha detto…
Caro Andrea,
hai perfettamente ragione.
Il 95/97% degli etilometri NON SONO IN REGOLA E SONO BUFALE.
LA LEGGE che regolamenta gli etilometri elettronici C'E', MA POCHISSIME AZIENDE..che per business importano prodotti economici la rispettano!
Il 98 % degli etilomteri che sono in commercio sono GIOCATTOLI PERICOLOSI per chi ci si affida.
Tra i pochissimi alcoltest seri, il più attendibile è l'alcol test chiamato fiala CEC1 senza cromo( monouso per l'espirato), adottato ufficialmente dalla polstrada e da molti comandi locali.
Sono da cestinare e denunciare quelli salivari e quelli al cromo, oltre quelli elettronici che non indicano la durata, la precisione e la metrologia del sensore.
La maggior parte sono bufale!
Mauro ha detto…
Tutto dipende anche da quanto vuoi spendere, logicamente non puoi pensare di prendere un etilometro a 20€ e sperare di avere un test affidabile...
Troppo oneroso e non sempre preciso il discorso del monouso, fermo restando che per avere un test affidabile debba effettuare la prova un paio di volte a distanza di circa 15 minuti, mi ci vorrebbe 2 fiale o palloncini, spendendo non meno di 4€... perciò scarterei questa possibilità.
Io ho letto per un mese i vari commenti e recensioni e alla fine ho acquistato un etilometro da €100, al secolo Alcolino 7000, lo so che non sono pochi soldi ma la patente costa di più..

Saluti
Mauro
admaiora78@yahoo.it
andrea ha detto…
Ciao Anonimo(anche se datato),
Ciao Mauro,
grazie dei vostri commenti/impressioni

A tal proposito accodandomi da un lato alla richiesta di maggiore rispetto e affidabilità di questo strumento e dall'altro alla necessità di spendere una certa cifra per poter acquistare uno strumento che garantisca certe prestazioni e una certa precisione... vi informo che ho il tester dato in omaggio con Men's Health, avuto in regalo.

E' un semplice strumento che porto dietro con me e più che valutare quantitativamente e puntualmente il tasso acolemico, mi serve come stimolo e indicazione che forse è meglio non esagerare.
Infatti appena avuto feci il test avendo assunto due dita (in orizzontale...ehehe) di vino a stomaco vuoto e mi veniva segnato un tasso già maggiore del 0.7% a 10 minuti dall'assunzione... a me basta per capire che effettivamente c'è da stare attenti più che alle multe, alla sicurezza stradale e alla prevenzione degli incidenti stradali

ps: se fosse per me limite a 0%... però non sono io il legislatore!

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…