Passa ai contenuti principali

La Calabria rifiuta i rifiuti

E in queste belle giornate di sole... che ti guardi indietro.
Non hai molto da fare, non puoi uscire di casa, anzi dovresti proprio rimanere a casa a studiare a lavorare a fare qualcosa che hai rimandato durante la settimana.

Ma come passa il tempo il calabrese medio?
Beh il calabrese medio non è una persona di grandi pretese... abituato nella storia a sottomettersi, punta più che altro a piacere umili ma gratificanti della vita semplice e contadina, quali il "pilu" e il cibo.
Evolvendosi ha scoperto anche lo sport e la televisione.

Ma nel 2009 noi ragazzi (20-40 anni) cosa facciamo?
Personalmente amo nuotare, ma ora il mare è un pò freddino!
Sto imparando ad andare sullo snowboard e devo provare il nuovo casco che i miei amicissimi mi hanno regalato! Ma la neve ancora non c'è per fare snow!
Mi piace mangiare bene: pizza, pasta, carne, pesce... ti muovi un attimo e trovi ristoranti e pizzerie in quantità. Tant'è che c'è chi ha creato dei servizi grauiti qui su internet per orientarci nella scelta nella nostra regione.
Poi studio e lavoro, il che è tosto ma per certi versi appassionanti.

A quanti si chiederanno dove voglia andare a parare il mio discorso rispondo: eccomi, sono un calabrese.
Sono un giovane calabrese.

E per farvi capire chi SONO, posso raccontarvi anche chi NON SONO.
NON SONO:
  1. uno di quelli che va a Milano per rapinare
  2. uno di quelli per cui esiste SOLO la nduja e la cipolla rossa di Tropea
  3. uno di quelli che considera la lingua italiana come seconda lingua
  4. uno di quelli che spenderebbe un mucchio di soldi per i telefonini
  5. uno di quelli che scioglie nell'acido le persone
  6. uno di quelli che vanno all'università perchè non ha un cazzo da fare
  7. uno di quelli che vuole il posto subito e a tempo indeterminato lavorando 30 secondi al giorno a casa
  8. uno di quelli che ha messo le scorie radiattive in mare, al più qualche pisciatina
  9. uno di quelli che buttano le carte a terra perchè lo spazzion deve pur fare il proprio lavoro
  10. uno di quelli che odia il Nord a prescindere
  11. uno di quelli che odia Venditti per le sue infelici dichiarazioni senza vedere che i problemi veri non sono le sue dichiarazioni (per quel che possano valere), ma altri e si distraggono rivendicando un orgoglio fatto di che?
  12. uno di quelli che gli sta bene come vanno le cose al sud e gli sta bene che la Calabria è il sud del sud
  13. uno di quelli che aspetta di essere salutato per salutare se no non ti saluta
  14. uno di quelli che crede nell'eterna lotta (calcistica e non) nelle province della sua regione
  15. uno di quelli che crede che le facoltà ad indirizzo umanistico siano inutili e debba esistere solo ingegneria
  16. uno di quelli che non si chiede se era meglio lavorare direttamente che prendere una laurea a 40 anni che poi esci più rincoglionito di prima
  17. uno di quelli che non si incazza se vede qualcosa che non và
  18. uno di quelli che non aiuta uno in difficoltà (il karma esiste)
  19. uno di quelli che se la prende con la commissione europea se quest'ultima decide di interrompere i fondi per il meridione, che sono stati sistematicamente RUBATI
  20. uno di quelli che pensa prima di scrivere

Commenti

Post popolari in questo blog

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…