Passa ai contenuti principali

Decreto sugli enti lirici

Si diceva un tempo "impara l'arte e mettila da parte".
Oggi lo stato italiano ha rivisitato questo ormai obsoleto modo di dire, come quelli che annovera una certa carta costituzionale, rivisitandola nel boccaccesco: "impara l'arte e prendila in saccoccia".

Si perchè non sono bastati gli scioperi e le proteste nei teatri più importanti italiani, invidiati in tutto il mondo civile, a fermare un processo in cui l'arte e i beni culturali italiani vengono dismessi, oserei dire ammazzati. Si parla di riordino dei conti, ma potrebbe significare chiusura del rubinetto. Un rubinetto che erogava assistenza a chi dell'arte ne fa una ragione di vita e in ciò non ha colpe.

Ritengo, personalmente, che l'arte e la cultura, ed in parte l'intrattenimento, facciano parte della vita e dello sviluppo dell'uomo così come lo studio e il lavoro.
Molto banalmente cosa sarebbe la vostra vita se non esistesse la musica, o i film, o il teatro, o i concerti?

Qualcuno lassù ci dice che ne possiamo fare a meno -leggi FUGA DI CERVELLI... anzi FUGA DI CETRE- e impiegare le proprie energci su opere ben più importanti, come la valorizzazione di qualche caciotta montana puzzolente o il ponte sullo stretto.

Ritorno a pensare ai Maestri di Conservatorio e a chi, come loro, ha dedicato la vita intera allo studio dell'arte che tra l'altro è un mestiere difficile in cui non ci si fà ricco, anzi ci si consola troppo spesso a gratificazioni sentimentali e non, come dovrebbe essere, economiche (quanto studia un calciatore? quanto studia un Maestro di pianoforte? quanto guadagna un calciatore? quanto guadagna un Maestro si pianoforte?)

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…