Passa ai contenuti principali

Intervista agli ECKLETTICA

Sembra una storia da film la nascita degli ECKLETTICA: fra i banchi di scuola o nel quartiere dove tiravi calci al pallone. Quattro ragazzi che per caso, o forse il caso non esiste, si conoscono e creano qualcosa di magico: prende vita così il gruppo. Dalle prime esperienze a arrangiamenti di cover famose, il gruppo cresce a ritmo sostenuto grazie al filo comune degli inediti. La capacità di scrittura e di arrangiamento è cresciuta di pari passo alla maturità e alla consapevolezza del quartetto, per svilupparsi in un progetto concreto di altissimo potenziale e di qualità. Eccovi l'energia di 4 amici/artisti che puntano in alto e sicuramente ci offriranno tante sorprese e tanti successi, come l'ultimo singolo "Una vita stronza". 
Grazie agli ECKLETTICA per il tempo concessoci!




Ciao ragazzi, presentatevi, raccontateci il vostro background personale e artistico

Come in tante storie ci siamo conosciuti per puro caso. Matteo (chitarrista) e Luca (tastierista) andavano a scuola insieme mentre Gianmarco (batterista) e Jimmy (cantante) si conoscevano da quando sono nati. L'incontro dei due gruppi è avvenuto durante una partita di Poker a casa di amici. Ovviamente quella sera nessuno di noi ha vinto. Volete sapere cosa ci ha spinto a creare qualcosa insieme? Roma. Via Pisino. 2012. Sessione di Prove. Jimmy porta uno dei suoi pezzi inediti. L’arrangiamento lasciava a desiderare ma dopo dieci minuti tutti in sala cantavano la canzone. Ci siamo resi conto che in quel momento erano nati gli Ecklettica.



Raccontateci del vostro ultimo singolo “Una Vita Stronza”, com’è nato? Cosa rappresenta per voi?

Una Vita Stronza” è nata durante un paio di giorni che Jimmy, il nostro cantante, e Matteo, il nostro chitarrista, si sono presi per scrivere un po’. Il brano lo abbiamo descritto come se fosse un’eterna domenica, pensando alla voglia di divertirsi, di fare party. In realtà il brano è anche uno specchio della nostra generazione. Noi siamo la generazione sempre in bilico tra precariato e voglia di fare, siamo quelli del “vorrei ma non posso”. La nostra unica vera via di fuga è quindi il divertimento.

Quali sono le vostre influenze musicali?

Il nome del nostro progetto la dice lunga sulle nostre influenze musicali. Gli ascolti dei membri della band hanno sicuramente influenzato il modo di fare musica negli Ecklettica. Ci ispiriamo in parte al Brit Pop degli Oasis, in parte all' Alternative Rock degli Imagine Dragons. Nell' ultima produzione ci siamo avvicinati più a sonorità itpop e soprattutto all' Elettronica e New Wave anni ‘80.

Quali sono le vostre attuali o passate collaborazioni musicali?

Negli anni abbiamo collaborato con diverse persone. Per un periodo gli Ecklettica hanno collaborato con Claudio Cera (xFactor) e il cantautore Matteo Pace (in arte Malinverni). Durante la fase di pre produzione del nostro nuovo album abbiamo collaborato anche con Alessandro Morini (ex  Mary in June, ora Boreale)

Raccontateci il vostro ultimo aneddoto o esperienza particolare durante la vostra attività artistica, fateci ridere o riflettere un po’

Uno degli aneddoti che ci piace ricordare risale all'estate del 2014. Stavamo facendo un live al vecchio “Circolo degli Artisti”. Saliamo sul palco, partono le prime note del brano e …
Tutto nella sala diventa buio.
Blackout più totale.
Il generatore quella sera dava problemi.
Aspettiamo dieci minuti e ci riproviamo.
Saliamo sul palco, le prime tre note e nulla.
Si rispegne tutto.
Il live era previsto per le ore 22.
Cominciammo a suonare allo scoccare della mezzanotte
La sala era stracolma di gente che voleva divertirsi ed ascoltare musica nuova e fresca.
È stata una grande serata.

I vostri programmi per il futuro?

In autunno usciremo con un nuovo singolo che sarà sicuramente diverso dalle sonorità dei singoli precedenti ed entro la fine dell’anno vorremmo fare uscire l'album “Una Vita Stronza”. Il nostro desiderio più grande è tornare a fare live e a condividere con il nostro pubblico tutta l'energia che abbiamo tenuto dentro in questo tempo



Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…