Passa ai contenuti principali

Love Shower Love, la nuova promessa dell'alt rock

Love Shower Love, un gruppo di giovani grintosi dediti all'ALT rock. Da Milano, portano in tutta Italia il loro sound unico, con la tenacia e la forza di un'unione fatta sulla musica e l'amicizia. Amici, fratelli, ma anche artisti attivi che con profitto prendono parte anche a progetti paralleli, arricchendo così tanto il bagaglio personale quanto quello del gruppo.
Dal debutto nel 2017 con "Common Useless Mistakes", i Love Shower Love raccolgono consensi della critica e del pubblico. Continuando negli anni con grande motivazione e profitto, il percorso artistico è fiorente e in ascesa, includendo fra i successi della band l'ultimo lavoro, in ordine cronologico, Slow Down, dal quale il singolo "Ring Of Time" ha raccolto copiosi consensi. 



Ora lascio a voi la parola, presentatevi! 
Siamo i Love Shower Love e suoniamo da tanti anni la musica che ci piace ascoltare fin dall’adolescenza, quando ci siamo conosciuti. In realtà bassista e chitarrista si conoscevano da un po’ prima, essendo gemelli. Abbiamo scelto il nostro nome una sera a Parigi quando ci siamo accorti che l’ostello dove dormivamo non aveva la doccia. Non è vero, raccontiamo ogni volta una storia diversa. 

Raccontateci del vostro ultimo nuovo, com’è nato? Cosa rappresenta per voi? 
Subito dopo la fine del contratto con la nostra etichetta ci siamo resi conto di avere da parte un po’ di idee nuove che ci piacevano molto. Mentre i brani prendevano forma, ci siamo accorti che avevano stile e intenzioni molto differenti. Abbiamo così scelto di dividere il lavoro in 2 EP, il primo dei quali si chiama “Slow Down”. Stavamo ancora mettendo a punto i pezzi quando siamo stati risucchiati nel lockdown del 2020: a quel punto abbiamo scelto di passare la quarantena registrando a distanza il primo EP, senza mai incontrarci. È stato il nostro modo di restare vicini. 

Ci sorprendono la naturalezza e fluidità delle vostre composizioni, come nascono? 
Generalmente partiamo da un’idea di canzone rock tipicamente anglosassone molto riconoscibile nella struttura per poi sperimentare con arrangiamenti che richiamano sapori funky e una intenzione indie. Cerchiamo di non banalizzare la nostra guitar music con intrecci studiati e dando anche al basso il giusto protagonismo. 

Cosa caratterizza il vostro stile, raccontateci cosa sta dietro ai vostri brani. 
Siamo partiti tutti e 4 da un imprinting grunge per approdare al moderno alt rock di band come War on Drugs, Idles e The National. Ognuno di noi coltiva però nei suoi progetti paralleli delle passioni più “verticali” (che cioè piacciono solo a lui) come ad esempio l’elettronica, la roots music, la black music, il cantautorato e il punk. 



Quali sono le attuali o passate collaborazioni? 
Come ti dicevamo, ognuno di noi ha dei progetti paralleli (One Boy Band, Nails & Castles, TAFF, The Twerks e...Claudio Chiodi): questo ci consente di realizzare tutte quelle idee che nel gruppo non trovano sfogo (altresì detto: di non menarci) e fare esperienze con tanti musicisti esterni alla band che poi di riflesso fanno crescere anche i Love Shower Love

Un aneddoto del vostro percorso musicale che volete condividere con noi? 
Durante l’ultimo tour nel centro Italia siamo stati ospitati da un ex veterinario che nel tempo libero faceva il bracconiere: l’appartamento in cui abbiamo dormito era pieno di animali selvatici imbalsamati. Un’esperienza che non auguriamo a nessuno. 

Quali sorprese e i vostri programmi per il futuro? 
Entro la fine dell’anno pubblicheremo il secondo EP, che a differenza di questo “Slow Down” vedrà una manciata di pezzi molto incazzati. E - chi mai avrebbe pensato sarebbe stato un auspicio in questo anno sfigato - speriamo di avere la possibilità di suonare dal vivo entrambi gli EP. Ci sembrerebbe già una fortuna enorme.

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…