Passa ai contenuti principali

Mille, dallo Zecchino d'Oro a "La vita e le cose", si racconta

Elisa Pucci, in arte Mille, è un’artista a tutto tondo: impegnata musicalmente fin dalla tenera età con la sua straordinaria partecipazione allo Zecchino d’Oro, nel corso del tempo ha maturato doti trasversali nella recitazione e nella pittura. Un talento che l’ha portata ad essere la voce e manager del gruppo Moseek coi quali partecipa a X Factor 9. Mille è un’artista sensibile e dai suoi versi traspare un interesse profondo per l’immanente e la quotidianità. Con spiccata emotività, “La vita e le cose” - in radio e streaming dal primo luglio 2020 - è un lavoro che vuole descrivere la semplicità ma anche l’importanza di gesti ai quali forse dovremmo dare maggiore peso e che rendono pregiata la nostra vita. Nei versi del brano, cantati su un ritmo dai suoi compatti e ben definiti, fanno da sfondo andamenti percussivi e decisi che fanno da giusto supporto alle rime baciate e al ritornello. Le frasi e le espressioni che compongono il testo del brano, mutuate dal parlare quotidiano, vengono elevate a poesia con gusto. Un brano che spicca per freschezza, ritmo e cantabilità.
Una ritrattista della vita con le sue note e le sue parole che ci ha onorato del tempo offerto, in un interessante momento di confronto.



Elisa, o forse dovrei dire Mille, cosa rappresenta per te questo nome?
Mille è la somma di catastrofi e riprese, di rivoluzioni ed evoluzioni, dei concerti su un'infinità di palchi in tutta Italia, tutto immortalato attraverso le canzoni che scrivo, perché quello che vivo, nel bene e nel male, è il motore che mi spinge a sedermi al pianoforte e iniziare a scrivere.

“La vita e le cose” cosa vuoi descrivere in questo nuovo brano?
Rappresenta totalmente me, il trasferimento da Roma a Milano, le piccole cose che rendono la mia esistenza preziosa, anche quando di prezioso sembrava non esservi niente.

Quali sono i tratti distintivi delle tue opere?
Aderiscono perfettamente agli occhi e alle orecchie attraverso cui vivo la vita.

Ascoltando “La vita e le cose” notiamo tratti distintivi e significativi del tuo stile. Come hai maturato la tua personalità?
Nasco con Lucio Dalla che canta nella stanza d'ospedale vicino alla sala parto, cresco con Elton John in sordina che mi inculca il concetto di magia legata alla musica, divento adolescente amando Patty Pravo e nientepopodimeno che Raffaella Carrà.

Mille ha un profilo artistico ricco e istrionico, quali sono i tuoi compagni di viaggio e incontri significativi nelle recenti tappe del tuo percorso?
Ho la fortuna di lavorare con un produttore di rara bravura, un vero e proprio sarto che cuce addosso il giusto abito per le canzoni che scrivo, non lo fa solo con me, è il suo modo di rispettare chi ha davanti e gli consegna un pezzo della propria vita. Il suo nome è Alessandro Di Sciullo.

Si sa che la vita di un artista è costellata di esperienze particolari, a volta singolari. Come rappresentato da “La vita e le cose”, raccontaci un aneddoto per te significativo.
Sono tornata a Roma appena hanno riaperto le frontiere, mi premeva incontrare mio nonno “acquisito”, Vincenzo di 97 anni. Sa che lavoro faccio e conosce le conseguenze imposte dall'emergenza, gli ho spiegato come ha cambiato i programmi, ma anche che sono convinta che il tempo, anche se con connotati diversi da quelli che avevo programmato, è qualcosa che ho a disposizione e non è che fugge via. Lui mi ha risposto che ogni giorno che vive è uno in più e io mi sono data la possibilità di pensare che il tempo davanti a tanta bellezza, non esiste.

I tuoi programmi per il futuro?
Essere sempre più pronta davanti agli imprevisti e ai cambi di programma. Vedi “pandemia”e/o risposta precedente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…