Passa ai contenuti principali

Alessandra Rizzo e il nuovo disco Fogli che raccontano

 Il nuovo lavoro discografico della formidabile Alessandra Rizzo, in arte LaRizzo, è una summa dei brani più rappresentativi degli ultimi 10 anni.

"Fogli che raccontano", edito da TRP Music (2020), quindi è un diario musicale in cui l'artista ha inserito una selezione di composizioni originali dove possiamo apprezzare l'equilibrio e l'armonia eccezionali della sua voce. Il disco contiene 8 tracce dove, oltre alla cantante, possiamo apprezzare stimati e grandi professionisti del panorama musicale italiano quali Peppe Tringali alla batteria, Alberto Fidone al contrabbasso, Edoardo Musumeci alle chitarre, Gionata Colaprisca alle percussioni, Massimo Greco alla tromba, Mario Pappalardo al rhodes, Teresa Raneri backing voice.

Nel brano di apertura godiamo del talento vocale della cantante con "Sono frammenti" che, appunto, grazie a frammenti musicali crescenti il brano prende corpo strofa dopo strofa. Un intro di disco frammentario che si costruisce, proprio come vuole intendere l'artista, quando inizi a sfogliare quel diario e parola per parola ricominci a tornare con la mente a quei giorni, quelle emozioni, quel vissuto che sono indelebili ricordi.

La versatilità e la duttilità dello stile de LaRizzo, ci permettono di godere di un ampio spettro stilistico, con numerose contaminazioni musicali. Il jazz è solo uno di quei fogli, che compongono il testo della cantante e nel suo insieme rappresentano un libro equilibrato ed estremamente interessante.

La ballata "Troppe luci poche stelle", ci colpisce con le sue note evocative, sostenute dal magistrale Musumeci alla chitarra. Come bagliori illusori, i ritmi delle percussioni di Colaprisca, rappresentano il giusto background al brano.

Il sound completamente diverso e a tratti country e blues invece è presente in "Sgualcito dal tempo". LaRizzo ci dà qui prova dell'ampiezza della sua tavolozza di suoni, dove racconta di una storia in cui si susseguono momenti felici e di dolore.

La potenza controllata, la delicatezza e la precisione della dote vocale de LaRizzo, li ritroviamo tutti e fortemente nel brano di chiusura, che si chiama proprio "Fogli che raccontano". Un'atmosfera aperta e rarefatta fa da intro al brano, con effetti e lontananze gestite dalla chitarra di Musumeci. Il ritmo prende poi il sopravvento con un eloquio morbido e confidenziale, con lo sviluppo del brano in un cui si raggiunge un interessante culmine. Un dolce crescendo, come la voce della cantante la cui intensità non si esprime solo sul piano della potenza ma su quello della dolcezza, della precisione e dell'empatia, che lascia la voglia di essere ancora circondati dalla sua voce, di ascoltare di più.

https://jazzreviews.it/recensioni/fogli-che-raccontano-di-larizzo/

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille , e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville. Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglierem

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N , che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente. Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi. Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impos

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency.  Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico! 1.      Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabi