Passa ai contenuti principali

Damiano Morisoli, non solo cantante!

È raro trovare al giorno d’oggi ragazzi appassionati d’arte capaci di esprimere e trasmettere qualcosa. Ancor più raro trovare artisti che associano una giovane età anagrafica a esperienze ampie e un grado di approfondimento delle arti trasversale e maturo.

Grazie al tempo che ci ha dedicato l’artista di cui stiamo parlando, possiamo fregiarci di accogliere questa rarità: Damiano Morisoli.

Dal 16 ottobre scorso ci siamo avvicinati alla sua figura grazie alla pubblicazione del singolo “Colpa della verità”, brano d’esordio. E avvicinati, non potevamo che rimanere affascinati della sua verve che conoscendolo meglio, vedrete, è costruita grazie al talento accompagnato dallo studio delle arti.

Un artista da salvare nei preferiti, poiché il suo talento è inarrestabile e ci riserverà presto tante sorprese!

Ciao Damiano e grazie del tuo tempo! Com'è nata la tua passione per la musica? 

La passione per la musica, è nata con me ed ho iniziato ad alimentarla con gli allenamenti all’età di 8 anni con la danza. Il canto lo praticavo a caso con karaoke e i Canta tu vari, poi la vera sfida è iniziata 5 anni fa un po’ per caso.

Spinto dai miei colleghi di lavoro, partecipo ai casting per il musical Romeo&Juliet della scuola PopMusicSchool di Paolo Meneguzzi. Mi sono proposto per le 3 discipline (canto, danza, recitazione) ovviamente non avevo mai preso lezioni di canto, men che meno di recitazione. Nonostante l’inesperienza venni scelto e mi diedero anche una parte fichissima (Mercutio).

Fu poi Pablo a spingermi in tutto questo e a credere in me! Così ho preso lezioni. Oggi, dopo 5 anni sono finalmente riuscito a realizzare e a pubblicare il mio primo brano “COLPA DELLA VERITÀ”.

Cosa rappresenta per te il brano "Colpa della verità"?

Colpa della verità rappresenta una scelta che mi sono imposto di prendere in passato. Per un traguardo che devo ancora raggiungere. Ma intanto godiamoci il percorso.



Cosa vuoi trasmettere ai tuoi ascoltatori con la tua arte? Qual è il tuo background formativo ed artistico? 

ricordati di non ricordare cosa sia giusto fare, fai e ricordati di averlo fatto

Nasco come ballerino, raggiungendo traguardi quali campionati nazionali e internazionali, ottenendo borse di studio e riconoscimenti vari. Ho partecipato a tantissime convention e stage dove ho ampliato e perfezionato il mio modo di ballare e il mio approccio alla danza. 
Ho studiato per tre anni chitarra classica e per 5 chitarra elettrica poi ho dovuto scegliere tra le discipline e gli sport che praticavo e purtroppo l’ho abbandonata… ma da due anni a questa parte l’ho ripresa e me ne servo molto per comporre i miei brani.
La recitazione l’ho scoperta 5 anni fa. È stato amore a prima vista. Prima non avevo grande stima per attori soprattutto di teatro e invece ora mi piace e sto continuando a studiare.

Il canto… posiamo dire che ho sempre cantato ma senza prendere lezionii. Ho scoperto di volerlo fare seriamente quando qualcuno ha iniziato crederci piu di me ed ho iniziato a vedere le persone emozionarsi mentre cantavo un Mio brano.

Quali sono stati gli incontri e le collaborazioni per te più significative? E quanto contano le altre discipline artistiche, oltre alla musica, nel tuo processo artistico?

Gli incotri più piu significativi e le collaborazioni: lavorare e collaborare con due artisti quali Simone Tomassini e Paolo Meneguzzi che stimo e ammiro molto. 

Tutte e tre le discipline sono arte e tutte le arti sono composte da discipline, quella che ho deciso do fare è composta da queste tre.

Seguirà un altro singolo o un album dopo "Colpa della verità"? Quali sono i tuoi programmi futuri?

“Colpa della Verità”è il primo di un ep di 6 brani dal titolo “Colpa della Verità”

Oltre a questo Ep sto lavorando come attore in un film musicale con la PopMusicSchool di Paolo Meneguzzi

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille , e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville. Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglierem

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N , che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente. Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi. Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impos

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency.  Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico! 1.      Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabi