Passa ai contenuti principali

"Felici o niente" i The Fottutissimi pubblicano il nuovo EP il 23 ottobre

Un nome difficile da dimenticare, ma anche un qualcosa di ironico e provocatorio. Per anni, a chiunque ce lo chiedesse, rispondevamo che era una sorta di “presa di coscienza”, del tipo siamo tutti fottuti e spacciati. All’epoca la pensavamo così, oggi questa risposta ci suona un po’ banale, anche se, guardandoci attorno, risulta essere piuttosto veritiera e ancora meno anacronistica di prima. Tuttora ci piace l’idea di un nome che o ti fa schifo o te ne innamori

The Fottutissimi nascono nel 2002. Lo storico trio conosciuto in tutte le Marche composto da Mattia Priori, Lello Landi e Federico Veroli ha realizzato quattro album: One Day (2008), Bad Grass Never Dies (2009), Rocknroll Gurù (2011) e Mercoledì Babilonia (2013).

Una discografia che è valsa al trio diversi passaggi radiofonici e ospitate come quella alla corte di Pino Scotto nel suo Database in onda su Rock TV, emittente che ha messo in rotazione anche i loro video; oltre che la possibilità di calcare i vari palchi dei festival italiani e la vittoria di differenti premi tra cui Rock Targato Italia.


Dal 2013 poi un silenzio lunghissimo, nel quale ognuno si è dedicato a progetti personali. Poi la fugace apparizione in unplugged ad Aspettando la rivoluzione nell'edizione 2019 di Animavì (assieme a Zen Circus, Brunori SAS e Maria Antonietta), che aveva già lasciato intendere che qualcosa bolliva in pentola.

Oggi i THE FOTTUTISSIMI sono ripartiti n quattro, con l'aggiunta di Davide Lucarelli alla chitarra e brillante guida negli arrangiamenti con la pubblicazione di quattro singoli che compongono il nuovo ep dal titolo "Felici o niente".

Presentazione di "Felici o niente":

Un ep di 4 brani che vanno a comporre un piccolo puzzle che racconta chi sono i The Fottutissimi oggi, in preda a dubbi esistenziali, alle paure, ma soprattutto alla voglia di sprigionare energia attraverso i loro strumenti distorti e attraverso un sound che oggi in Italia non è tanto facile sentire.

Puro rock cantato in italiano alla ricerca di una felice libertà con suoni ed arrangiamenti che strizzano l’occhio a grandi band come Kings of Leon, Jet, gli U2 degli anni 80.

Non è per noi un segreto il fatto che spesso non ci sia nulla da inventare, bensì molto da imparare” dicono i The Fottutissimi.

Mixato e perfettamente interpretato da Jason Carmer, il produttore californiano multi-platino e vincitore di un grammy award che ha svolto il suo lavoro con grande passione, convinto del potenziale artistico della band con quale aveva già collaborato nel 2013.

La realizzazione della copertina e delle illustrazioni che accompagnano i quattro brani è stata affidato alla penna dell’artista Luca di Sciullo.

Links per lo streaming dell’album: https://open.spotify.com/album/1fMUXP1LBKg5Z2w6lM5XWT

Track list:

  1. Davide
  2. Felici o niente
  3. Mama
  4. La gente normale

Line Up:

Leonardo Landi: voce e chitarra

Mattia Priori: basso

Davide Lucarelli: chitarra

Federico Veroli: batteria

Data release:

23 ottobre 2020

Genere:

Rock

Etichetta:

Auto-produzione

Web links:

Facebook: https://www.facebook.com/thefottutissimi/

Instagram: https://www.instagram.com/the_fottutissimi/

Youtube: https://www.youtube.com/user/monkeyfottutissimi

Spotify: https://open.spotify.com/artist/6yl6GDuuZ108omHOOfL7Ez

  

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille , e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville. Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglierem

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N , che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente. Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi. Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impos

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency.  Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico! 1.      Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabi