Passa ai contenuti principali

Flutua, come non li avete mai letti!

Un'anima punk, elettronica e groove: questo sono i Flutua, band che dal 2010 lavora per portare in giro la propria musica. Con un grande carico di grinta, i Flutua scrivono una musica molto interessante, che li ha portati da Como a nuomerosi palchi d'Italia. Il mix è creato da speciali ingrendienti: DanaDevis, Matteo e Franco, che negli anni raccolgono esperienze, testi e nuova musica, senza inutili fronzoli, nei brani e nei nuovi lavori.

L'incontro fortunato si deve, nel 2017, a Filippo Destrieri -produttore storico di Battiato e tastierista- che li sostiene e si offre nella produzione artistica. Nel 2018, perciò grazie al grande lavoro del fonico Fabio Fusi - che sostituirà Franco e Matteo, si arriva al loro primo EP: "Vota amore".

Ma, al di là dei cenni biografici, parliamo direttamente con questa band eccezionale.

Cosa vuol dire Flutua e com'è nato questo nome?

Il nome Flutua nasce dal desiderio di leggerezza nella vita, di fluttuare nell'aria. Inizialmente avevamo pensato a Fluttua, poi abbiamo tolto

una T per fare suonare il nome ancora più leggero.

 



Com'è nato il vostro brano "Tu vuoi tu puoi" in radio e streaming dal 25 settembre?

Tu vuoi tu puoi parla di questo episodio: una volta quando ero piccola mi trovavo in auto con i miei genitori e stavo canticchiando, quando mio padre mi disse che avevo una brutta voce, non sapevo cantare, che non ero portata per il canto a differenza di mia mamma che cantava bene in modo naturale.

Da quel momento in poi smisi di cantare davanti alle altre persone. Divenni incapace di cantare,  perché lo facevo senza alcuna speranza di poterci riuscire. Quel giudizio diventò una profezia che si auto avvera.  Quando sei piccolo i genitori hanno una certa autorità e qualsiasi giudizio è una verità. Crescendo capisci che chi ti ha giudicato spesso non ha le competenze per farlo. Ora vi posso dire che il canto si può imparare come qualsiasi altro strumento.  Bisogna solo avere fiducia.

 

Una campagna elettorale a favore del bene o cosa? Perchè "Vota l'amore"? 

In un certo senso sì.  In un momento in cui l'odio va per la maggiore, noi stiamo dalla parte dell'amore, l'amore nel senso universale del termine.  Il titolo mi è venuto in mente, pensando alla politica di Trump negli USA e a quella speculare in Italia di Salvini: legittima difesa sì, no gli immigrati e agli stranieri, teocon che pretendono di scegliere come devi vivere la  tua sessualità, chi puoi amare e chi no.

 

Qual'è il vostro segreto per far funzionare le vostre anime nel progetto Flutua?

Fare parte di una band è sempre un gran casino, per me è un pò come un matrimonio.  Gli ingradienti per stare bene sono:  sapersi divertire insieme, non prendersi troppo sul serio,  il rispetto delle altrui, saper apprezzare il contributo di ciascuno, evitare la megalomania.

 

Quali sorprese/progetti per il futuro?

Progetti per il futuro: nell'immediato suonare dal vivo, a breve registrare una nuova canzone  per un progetto particolare che per ora teniamo segreto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…