Passa ai contenuti principali

I bemolli sono blu, recensione del disco

I bemolli sono blu, è il nuovo album dell'AB Quartet in cui si palesa il forte lavoro di ricerca e approfondimento del gruppo, traendo ispirazione dalla musica del grande Debussy. Edito da TRJ Jazz nel 2020, quest'album è un disegno spettacolare di come l'unione di mondi diversi possa dare vita a un lavoro denso di significato, una ricerca musicale nella ricerca, andare oltre "semplice" il fare brani originali.
 

L'opera, caratterizzata da 7 brani
  1. Moon
  2. Serenade
  3. Snow
  4. The five notes
  5. Disharmonies
  6. Immagini dimenticate
  7. Movements
è supportata dal grande talento di:
  • Antonio Bonazzo: pianoforte, arrangiamento
  • Francesco Chiapperini: clarinetto e clarinetto basso
  • Cristiano Da Ross: contrabbasso
  • Fabrizio Carriero: batteria e percussioni
Nel panorama jazz e musicale italiano, credo siano pochi gli esperimenti che riescano a trasmettere una tale musicalità, soprattutto con l'aiuto tanto della musica classica quanto di sonorità jazz, portate all'estremo grazie a incursioni di free jazz. 

L’AB quartet riesce, anche solo con cinque note, o meglio in “The five notes”, in cui dalle prime cinque note della scala maggiore apprezziamo costruzioni, scherzi, rincorse, fioriture per sfociare in un solido swing e improvvisazioni cariche sia di lirismo che di spigolature. Il gioco di chiaro-scuro e di opposti è presente in diversi brani, così come in “Serenade” in cui l’alternanza fra clarinetto basso e gruppo nell’esposizione tematica, lascia il passo al contrabbasso che esegue subito il primo solo. Richiami e citazioni col pianista, danno luogo anche a bei momenti corali, così come durante i soli l’interplay è presente, anche se non predominante, affinchè si possa giocare con altri colori e atmosfere musicali. In tal senso, notevole, è proprio l’atmosfera di “Disharmonies” con un intro molto delicato e rarefatto, composto da pochi elementi ma solidi e presenti, note lunghe che ci incuriosiscono e ci prendono nell’ascolto. E proprio quando crediamo di aver compreso la struttura iniziale del brano arriva il tema con sovrapposizioni ritmiche e andamenti paralleli fra gli strumenti, che ci conducono in una dimensione multisonora. I bemolli sono blu, non è solo, e tanto, un tributo al grande Debussy, e mi scuseranno i puristi, ma un intervento artistico di sperimentazione estremamente valido, da analizzare musicalmente brano per brano, nota per nota. Non c’è solo coraggio e talento, dietro alla realizzazione dell’album, ma una grande passione e la comprensione che la musica è un bene prezioso che supera le etichette e il tempo. La sperimentazione è il sacrificio che solo in pochi possono permettersi di fare, senza ferirsi malamente, e quando è riuscita come in questo caso permette agli artisti che l’hanno condotta, ma anche all’ascoltatore, di progredire verso nuove concezioni musicali.  

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille , e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville. Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglierem

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N , che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente. Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi. Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impos

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency.  Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico! 1.      Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabi