Passa ai contenuti principali

Intervista all'Antonio Bonazzo quartet

 Un acronimo ABQ, che cela dietro il nome del leader Antonio Bonazzo e un mix di culture, percorsi ed esperienze diverse ma che si fondono in un quartetto molto interessante. Dalla sperimentazione più rigorosa, fatta di sfaccettature e tentativi estemporanei, fino ad arrivare a un sound e un equilibrio di suoni ed interplay, tutti da scoprire. Le influenze partono dalla musica classica, al jazz, alla musica contemporanea, ma anche alle correnti elettroniche e pop. Grazie ad Antonio Bonazzo di condividere il tuo tempo con noi e conoscere di più di questo straordinario gruppo, e di come è nato il nuovo lavoro “I bemolli sono blu”, di cui scopriremo l’origine del particolare nome!

Com'è nato il nome del gruppo AB quartet?

Il nome sta per "Antonio Bonazzo Quartet" ma così mi sembrava troppo lungo quindi ho lasciato solo AB. In questo modo possiamo usare anche anche l'acronimo "ABQ" che funziona molto bene.

Qual'è il background di ciascun componente?

Io (Antonio Bonazzo), Francesco Chiapperini (clarinetti) abbiamo fatto gli studi classici in conservatorio mentre Cristiano da Ros (contrabbasso) e Fabrizio Carriero (batteria) vengono direttamente da accademie jazz ma ognuno di noi ha fatto esperienze negli ambiti musicali più disparati. Dopo alcuni anni di carriera concertistica io mi sono dedicato prevalentemente alla composizione alla musica elettronica e al jazz. Cristiano dopo aver frequentato la Berklee College of Music ha collaborato con danzatori e attori in progetti di commistione fra musica danza e recitazione. Francesco e Fabrizio collaborano da anni con musicisti del panorama free jazz milanese con progetti personali e non. Il progetto AB Quartet, nato come gruppo di sperimentazione, si è evoluto perfezionando il suo sound unico fino al lancio del primo album in studio "OUTSIDING", registrato nel luglio 2016.

Quali sono le vostre influenze musicali come singoli e come gruppo?

In generale ascoltiamo un po' di tutto, dalla musica antica al free jazz, dalla contemporanea al metal ma il nostro comune denominatore è l'interesse per l'improvvisazione radicale.  Tra le influenze più evidenti come gruppo c'è quella del free jazz, in particolare musicisti come Eric Dolphy o Cecil Taylor, ma anche la musica elettronica, Underworld, Prodigy, Aphex twin, e sicuramente certo jazz contemporaneo tipo EST e Gogo Penguin. Queste influenze a tutto tondo contribuiscono a creare il sound ABQ così eterogeneo e difficile da inserire in una categoria musicale specifica.

Com'è nato il vostro nuovo album "I bemolli sono blu"?

In occasione del centenario dalla morte di Claude Debussy nel 2018 abbiamo deciso di propone un progetto basato su arrangiamenti di musica del grande compositore francese. I temi originali sono trattati con una certa libertà ma quando anche siano nascosti o solo accennati riecheggiano comunque inconfondibili le atmosfere di Debussy. Il titolo “I bemolli sono blu” è

preso da una frase all'interno di in una lettera di Debussy in cui parla della sua visione della musica legata principalmente ad aspetti extramusicali come il colore.

Quali collaborazioni avete stretto nel vostro percorso?

Singolarmente abbiamo collaborato con diversi importanti musicisti tra cui Cavallanti, Tononi, Zambrini, Mimmo e tanti altri ancora mentre come gruppo siamo più interessati a collaborazioni con altre forme d'arte come teatro, danza, istallazioni multimediali etc.

 

Programmi/concerti/eventi per il futuro?

A breve abbiamo diversi concerti per la presentazione del disco mentre stiamo cominciando a lavorare ad un nuovo progetto in collaborazione con un progetto vocale.

https://jazzreviews.it/interviste/abq-il-racconto-di-un-quartetto-jazz-fuori-dal-comune/ 

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…