Passa ai contenuti principali

LaRizzo con Fogli che raccontano, il nuovo lavoro discografico

FOGLI CHE RACCONTANO

- LaRizzo -

 (DATA USCITA 25 SETTEMBRE 2020 – PRODOTTO DA TRP MUSIC)






Attraverso “Fogli che raccontano”, LaRizzo, descrive il suo percorso artistico, raccogliendo i brani più rappresentativi di 10 anni. I brani, presentati in ordine di scrittura, permettono all’ascoltatore di  vivere le emozioni della cantautrice, attraverso un viaggio fatto di immagini, luoghi, parole e sonorità, che restano impresse come durante la lettura di un libro.

La vocalità versatile, ma di chiara impronta blues/soul, si fonde con sonorità vere che strizzano l’occhio al purismo acustico e si rivolgono ai più esigenti ascoltatori di produzioni High End. 

Il genere musicale può indentificarsi come una world music d’autore con contaminazioni jazz, sud americane ed etniche. 

Sotto la direzione artistica ed esecutiva di Riccardo Samperi (Sound Engineer  di numerosi artisti nazionali ed internazionali, Grindie Awards - Indipendent Artist Music Award, www.trpmusic.com ) e  Edoardo Musumeci (Tinturia, Red Canzian),  vedono la partecipazione di musicisti conosciuti nel panorama musicale nazionale quali:

  • Peppe Tringali alla batteria e Alberto Fidone al contrabbasso (Urban Fabula, Gegè Telesforo, Fabrizio Bosso) 
  • Edoardo Musumeci alle chitarre (Tinturia, Red Canzian)
  • Special Guests:  Gionata Colaprisca alle percussioni (Samuele Bersani, Lucio Dalla);  Massimo Greco alla tromba (Zucchero, Ligabue, Neffa); Mario Pappalardo al rhodes (Mariella Nava, Giovanna D’Angi); Teresa Raneri backing voice (Mario Venuti , L’ArmA)






  1. 1. SONO FRAMMENTI – A. RIZZO /M . AMANTIA

E’ uno dei primi brani che ho scritto.  In “Sono Frammenti” si inizia a sentire la necessità di raccontarsi, di far pace con le fragilità che teniamo nascoste e con le maschere che indossiamo per apparire forti. Di abbandonare le armi con chi riesce a  comprendere che sotto l’armatura c’è altro. Ma per gettare la spugna serve veramente coraggio e a volte si vola via come la polvere.

Un brano che trova la sua conclusione attraverso una scrittura a 4 mani con il leader degli Sugarfree Matteo Amantia.


  1. 2. ALBERO DI PIETRA – A. LO CERTO

Albero di Pietra è un dono meraviglioso della cantautrice catanese Agata Lo Certo. Agata è sicuramente la prima persona che ha creduto in me e nella mia scrittura e per spingermi ad andare avanti, mi consegna tra le mani proprio un brano che parla del coraggio di essere se stessi. Un brano che parla Albero con una corteccia forte, talmente forte da dimenticare la bellezza dei suoi frutti e vivendo nel ricordo dei profumi, talmente forte che dimentica di poter muovere le sue foglie anche senza l’aiuto del vento, ma anche forte abbastanza da sfidare le intemperie fino a che avrà vita.


  1. 3. TROPPE LUCI, NIENTE STELLE - A. RIZZO /M . AMANTIA

Un’altra collaborazione con Matteo Amantia. 

Troppe luci niente stelle, si classifica al 2° posto alla 15^ edizione del Lennon Festival ( 2015) con un arrangiamento totalmente acustico, presentato chitarra e voce insieme a Edoardo Musumeci, in questa occasione arricchito dalle percussioni di Gionata Colaprisca.

Per chi conosce il cielo d’estate osservato dall’Etna, sa che ci si può osservare uno spettacolo di una bellezza unica, circondati da un paesaggio surreale. Dopo aver visto le stelle da lassù, il cielo della città, con le sue luci, diventa un inganno e comprendi quanto tutto sia falsato da quello che a volte vogliono farci credere. Anche in questo caso lo scappare dal caos permette di guardare con occhi diversi  e comprendere il vero da quello che inganna.


  1. 4. CON LE MIE SCARPE – RIZZO, MUSUMECI, SAMPERI

Con le mie scarpe vede la luce al St Stephen’s Green di Dublino.

E’ il primo singolo che mi vede come cantautrice e viene pubblicato nel Dicembre nel 2015, ma qui riproposto in una nuova veste, più coerente con quello che sono oggi, anche musicalmente e arricchito dalla voce di Teresa Raneri.

Con le mie scarpe è un mix di sentimenti contrastanti. E’ il raggiungimento della consapevolezza di poter camminare con i propri piedi, ma anche un ritorno alla paura di donarsi totalmente. E’ la consapevolezza che tutto deve andare avanti, perché il tempo passa, ma anche il non riuscire a lasciare andare totalmente. Con le mie scarpe è però anche comprendere che spesso scappiamo alla ricerca di qualcosa che in realtà è già dentro di noi e che siamo in continua evoluzione. Ogni evento vissuto nella vita, ci renderà una nuova persona.
Lo strumentale finale, arricchito dal Flicorno di Massimo Greco, conclude un viaggio che non trova pace, lasciando ancora il cuore sospeso.


  1. 5. SGUALCITO DAL TEMPO - RIZZO, MUSUMECI, SAMPERI

Anche Sgualcito viene scritta a Dublino, quasi alla fine del viaggio.

E’ sicuramente un primo punto di svolta. Il cuore stropicciato dal tempo, dagli eventi, che comprende di dover trovare conforto altrove attraverso la scrittura che guarisce e permettendo alla natura irlandes, e così in contrasto tra prati verdi e scogliere a strapiombo sul mare, di ridonarti energia positiva e curarti.

I luoghi che hanno visto la tempesta, adesso donano calma e fanno pensare a nuove strade da percorrere senza mai dimenticarsi del viaggio. Ma è il momento di lasciare  andare le vecchie foglie,  vivere nuove stagioni e tornare a casa.



  1. 6. MEMORIE LONTANE- RIZZO, MUSUMECI, SAMPERI

Stare lontani per tanto tempo, ti fa credere di aver dimenticato il motivo del viaggio e di aver guarito tutte le ferite. Solo quando torni, comprendi quanto quell’equilibrio sia precario. Andar via significa scappare, i fantasmi si affrontano. Solo in quel modo potrai voltare pagina.

Memorie Lontane viene scritta tutta d’un fiato in una notte di dicembre. 

Ci sono incontri che, probabilmente ti riporteranno sempre indietro nel tempo e che manterranno legami con pezzi di vita che non si possono cancellare. Memorie Lontane, racconta il reale, senza più scappare.

Registrata con Mario Pappalardo al rhodes, guardandosi negli occhi e seguendo i respiri, i silenzi più lunghi, portando rispetto ad ogni parola.


  1. 7. EQUILIBRIO INSTABILE- RIZZO, MUSUMECI, SAMPERI

In un equilibrio che viene raggiunto in modo instabile, è difficile seguire delle regole. Tutto sembra in disordine ma tu sei convinta esattamente del contrario. 

Sei sempre quella che cammina scalza, disordinata, che non fa il letto la mattina, che dimentica le cose e che ha sempre la testa tra le nuove tanto da rispondere alle domande senza aver ascoltato, ma sei anche quella che non vuole fermarsi e anche quando potrebbe stare ferma e riposare, prepara valigie per scappare altrove.

Con un’ironia ci si accetta…anche in un equilibrio instabile.


  1. 8. FOGLI CHE RACCONTANO- RIZZO, MUSUMECI, SAMPERI

Fogli che raccontano è la fine e l’inizio.

Sono passati tanti anni dall’inizio del viaggio.

E’ il momento di fermarsi, deporre le armi, arrendersi senza conservare quello che fino a quel momento non si è voluto lasciar andare via.

E’ mostrarsi realmente per come si è.  E’ rispettarsi. E’ imparare a fermarsi e stare in silenzio per ascoltarsi quando fuori tutto ti confonde.

E’ sapere che hai occhi trasparenti che ti tradiranno e non potrai mai mentire.

E’ accettare di raccogliere i tuoi fogli che sono diventati un diario segreto e donarli a chi vorrà ascoltare. E’ spogliarsi e mostrare le ferite guarite…ma che resteranno visibili sulla pelle, nascoste nel cuore.



 

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille, e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville.

Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglieremo le…

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N, che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente.

Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi.

Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impostate l…

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency. 
Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico!





1.Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabio Vacchi e a Mario Ga…