Passa ai contenuti principali

Lambrusco brothers, quartetto musicale doc!

Ironici, veraci e cordiali, i Lambrusco Brothers irrompono con la loro carica di vitalità. Grazie al tempo concessoci, scopriamo un gruppo di artisti che trasmette tutta l'energia e la voglia di divertirsi e divertire, grazie ai racconti e alle note.

Così come ci raccontano, dapprima, spiegandoci il significato del loro nome: <<nati tra il fiume Secchia ed il fiume Enza veniamo allevati a derivati del suino e Lambrusco. Dopo avere imparato a dire papà e mamma la terza parola è Lambrusco. Quindi come omaggio alla nostra terra e alle nostre tradizioni il nome è uscito da sè. >>



Com'è nato il brano "Mai ali per noi", in radio e streaming dallo scorso 30 ottobre  

Per rispondere in maniera sintetica si tratta della metafora suina di un sogno infranto o inespresso, cioè tutti vorremmo volare ma abbiamo le ali piccole e la forza di gravità vince sempre. Ma noi non ci arrendiamo in ogni caso. Comunque eravamo a campeggiare  tutti e quattro nelle colline di Reggio Emilia e tra grigliate e lambrusco abbiamo spezzato la parola Maiali e li è partita la vena. 

Siete più morbidi o tannici, cioè più ironici o riflessivi, nei vostri brani?

Essendo in quattro garantiamo caratteristiche molto diverse viste le nostre esperienze pregresse, andiamo dal tannico Lele Abusiv al più morbido Bolivar, passando per l'ironia del Conte e la concretezza del Borko. Nei brani si rispecchiano queste caratteristiche battezzando comunque il nostro genere come pop rock ingnòrant. Ci teniamo a precisare hanno installato una campana per il vetro vicino alla nostra sede per sopperire all’eccesso di vuoti che si stavano accumulando.  

Quali sono le vostre influenze, background e collaborazioni?

Calchiamo le scene da ormai trent’anni e ne abbiamo viste parecchie, cantiamo in dialetto emiliano ed è una grande passione portare avanti il cantato nel nostro volgare. Abbiamo deciso di scrivere anche in italiano, cercando di mantenere lo spirito genuino e ironico. Siamo tutti rokkettari più o meno estremi e R'n'R.

Com'è nato e come si svolge il vostro programma radiofonico?

Tutto è iniziato quando Bolivar che era il fondatore di Radio Nimel, ha chiesto a Lele Abusiv di condurre insieme un programma dialettale in diretta Facebook il giovedì sera. Lele ha accettato ed ha allargato l'invito a due suoi amici, Il Conte leader del gruppo "Orrendus " e il Borko ex leader dei "Malloy". Il programma dura circa un'ora e spazia tra attualità, barzellette, curiosità e musica. Cantiamo e suoniamo live e a volte ospitiamo personaggi appartenenti alla musica e non.

Come state vivendo, da artisti, gruppo e cittadini, questo lungo e difficile momento storico segnato dal covid?

durante il primo lockdown siamo riusciti a dare continuità al programma radiofonico, attrezzandoci con tecnologia on line e tra bestemmie e lambrusco siamo rimasti vicini a chi ci ha sempre seguito, addirittura aggiungendo un programma serale al sabato sera chiamato Nimalissima in onore a Canzonissima. Il gruppo è stato un ottimo rifugio e ci siamo affiatati molto nonostante la lontananza.

Quali progetti musicali per il futuro?

Sicuramente continuiamo con il programma radio, stiamo scrivendo altri brani sempre ispirati dalla gnocca e dal lambrusco, ci sentirete presto con un brano d'ammore ma state certi che cercheremo sempre di sorprendervi.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille , e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville. Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglierem

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N , che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente. Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi. Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impos

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency.  Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico! 1.      Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabi