Passa ai contenuti principali

Tutti vogliono imparare a suonare il Gipsy Jazz, nuovo brano dei Naftalinas


È ora disponibile il videoclip ufficiale di “TUTTI VOGLIONO IMPARARE A SUONARE IL GIPSY JAZZ”, brano estratto dall’ultimo album della band NAFTALINAS uscito in digitale lo scorso 3 ottobre.

“TUTTI VOGLIONO IMPARARE A SUONARE IL GIPSY JAZZ” è il primo brano estratto da “Dieci storie sempre al limite del guaio”, nuovo progetto discografico full lenght dei NAFTALINAS.
Il testo del brano è una riflessione autoironica su quanto l’amore per un genere musicale possa spingere alcuni musicisti a tentare di emulare i colossi della musica, tentativo che li porta ad apparire drammaticamente inadeguati.
 
Il videoclip ufficiale del brano, girato nell’Oltrepo Pavese e realizzato dalla Wildratfilm (casa di produzione pugliese specializzata in documentari e videoclip), ricalca il tratto comico della storia narrata, seguendone il canovaccio in un’atmosfera picaresca e  sognante arricchita da bizzarri personaggi e un mood retrò.
 
“Tutti vogliono imparare a suonare il gipsy jazz” è disponibile su Spotify al seguente linkhttps://spoti.fi/36pqHqb
 
 
Biografia
 
Il progetto Naftalinas nasce nel 2015 dall'incontro assai malsano tra Cesarino Cortassa e Antonio Bucci in un festival italiano dell'ukulele, in comune i nostri prodi hanno molto, seppur provengano dal Regno Sabaudo il primo e dal Regno delle due Sicilie l'altro.  Il nome tutt'altro che casuale giustifica gli intenti: Sdoganare le canzoni di una volta o comunque riportare in vita melodie che giacciono sommerse nella loro mente per colpa dei padri se non addirittura dei nonni.  
Canzoni che hanno vissuto il successo in epoche più o meno remote che oggi sono finite nel dimenticatoio. Pescare dal cassetto della memoria gioielli musicali in naftalina appunto. 
Il gruppo nasce quindi come un progetto di riciclo di canzoni del repertorio italiano che andavano dagli anni 30 agli anni 70 Istrionici e chiassosi, i Naftalinas nei loro live sono apparsi vestiti da legionari, marinai, ebrei e tanto altro  esibendosi, grazie a questo repertorio, in diversi festival musicali ottenendo consensi e sempre più seguito. Anfitrioni del retrò i quattro si rendono conto di poter andare oltre e negli ultimi 3 anni si sono cimentati nella registrazione di un disco di canzoni originali che ha visto finalmente la luce il 3 ottobre 2020: “Dieci storie sempre al limite del guaio”, questo il titolo del loro primo disco, è pieno di riferimenti musicali, legati alle esperienze precedenti dei componenti del gruppo e così il jazz manouche, lo  swing, il reggae, il country e molto altro si susseguono senza continuità, in un concentrato che pur prendendo a piene mani da linguaggi classici riesce ad andare oltre il già sentito, forse anche  grazie ai testi ironici, conditi da finta nostalgia, racconti di vita vissuta o surreali, dai personaggi grotteschi, a volte amari ed altre simpaticamente sinceri. A impreziosire il tutto una pletora di musicisti amici, alcuni session Man di fama nazionale che hanno colorato le tracce del disco.


Facebookhttps://www.facebook.com/TheNaftalinas

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida a FrontierVille: trucchi, segreti e info sul nuovo gioco di Facebook

Da qualche giorno su facebook è apparso un nuovo gioco rilasciato dalla zynga, si chiama FrontierVille , e sicuramente riscuoterà tanto successo come lo è stato per Farmville. Sulle orme dell'ormai famosissimo Social Game anche in Frontier Ville avremo bisogno dell'aiuto dei nostri vicini per andare avanti nel gioco, ma non si tratta di un emulazione ml fatta di farmville, anzi il gioco è molto più avvincente in quanto il nostro impegno è far crescere la nostra famiglia, felice e contenta nel far west.Si inizia con un solo personaggio, dopo aver scelto l'aspetto partiamo subito nel vivo del gioco, l'unico riparo è la nostra carrozza in mezzo ad un terreno infestato da erbacce, fiori e tanti alberi, man mano che andiamo a pulire il nostro terreno dovremmo anche liberarci di vari animali selvatici, in particolare serpenti fra le erbacce, che dovremmo scacciare con la pala, gli orsi negli alberi che dovremmo solo spaventare e le talpe che spunteranno quando raccoglierem

Reset e configurazione del router wireless Intellinet AP 150N

Ecco una piccola ma rapida guida sul modem router Intellinet AP 150N , che può essere letta anche da cellulare qualora a casa propria ci si ritrovi con la rete temporaneamente assente. Per effettuare il RESET (che annullerà il vostro SSID di rete e la passowrd che avevate impostato) è necessario tenere premuto il tasto nero di Reset, posto dietro il dispositivo, per almeno 10 secondi. La spia verde PSW perciò lampeggerà e dopo pochi secondi il router wireless avrà azzerato tutti i valori. Se avevate assegnato una password o un nome alla rete, questi ora saranno persi. Per inserire le configurazioni dell'Intellinet AP 150N è necessario collegarsi col proprio pc/mac al dispositivo con un cavo. Molte guide indicano già che il dispositivo è disponibile all'indirizzo 192.168.2.1, ma omettono il particolare del cavo. Quindi fate così: procuratevi un cavo ethernet, collegatevia a un capo il vostro pc e a un altro il dispositivo. Aprite il centro connessioni del vostro pc e impos

Intervista a Vincenzo Parisi

Oggi pubblico l'intervista all'eccezionale pianista Vincenzo Parisi, che dal 22 maggio potrete ascoltare sul nuovo disco "ZOLFO" edito da Piano B Agency.  Un ringraziamento al Maestro Parisi, che con cordialità ed entusiasmo ci ha concesso un po' del suo tempo e ci farà conoscere di più del suo indubbio spessore e talento artistico! 1.      Presentati, raccontaci il tuo background personale e artistico Mi chiamo Vincenzo Parisi, pianista e compositore. Fino ai 14 anni pensavo di fare il regista, poi ho conosciuto Irene Schiavetta, pianista con cui mi sono diplomato in conservatorio, e da quel momento ho capito che la musica sarebbe stata la mia vita. Successivamente, ho studiato con Massimiliano Damerini approfondendo il repertorio pianistico contemporaneo, e al Mozarteum di Salisburgo con Aquiles Delle Vigne, molto più filosofo, ricordo ancora le sue appassionanti lezioni sulla Sonata in Si minore di Liszt. Sul versante compositivo, devo molto a Fabi